HOME > Settori di intervento > Disabilità > Centro Socio Riabilitativo residenziale e diurno La Porta del Sole

Centro Socio Riabilitativo residenziale e diurno La Porta del Sole

Referente: Emanuela Delle Morracce.  Sede: Ficulle, località Cappuccini 7/a.  Telefono e fax: 0763 86252.


Il Centro Socio Riabilitativo residenziale e diurno “La Porta del Sole” è una struttura residenziale e semiresidenziale per disabili adulti. Le attività sono finalizzate al potenziamento, al recupero e/o al mantenimento delle capacità motorie, cognitive, socio-relazionali ed espressive degli ospiti, per raggiungere i livelli massimi di autonomia possibile ed un globale miglioramento della qualità della vita.

Modalità di gestione: Il Centro “La Porta del Sole” è una struttura pubblica. L’ente committente è la AUSL 2 dell’Umbria, Distretto n° 3 di Orvieto che opera tramite il Nucleo di Valutazione, una équipe di figure specialistiche che regola le ammissioni e le dimissioni e predispone i progetti individualizzati degli ospiti. La gestione è garantita da un rapporto di convenzione fra l’ATI COOP SOCIALI Terni e la AUSL 2 dell’Umbria.

Anno di attivazione: 2001 modulo semiresidenziale ed il 2002 modulo residenziale.

Destinatari: La struttura può accogliere fino ad un massimo di 8 persone disabili di età superiore ai 18 anni in regime residenziale e 8 in regime diurno.

Calendario di apertura e orari: La struttura in regime residenziale è aperta 24 ore su 24 per tutti i giorni dell’anno. Il servizio semiresidenziale è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 17.30.

Equipe di lavoro: Nel Centro opera un team di operatori pubblici e del privato sociale composto da

  • un medico fisiatra Direttore Sanitario della struttura (AUSL);
  • un’assistente sociale referente tecnico della struttura (AUSL);
  • quattro educatrici/ori (Coop. Il Quadrifoglio) di cui una referente della struttura per la Cooperativa;
  • due infermieri professionali (Coop. Il Quadrifoglio);
  • sei operatori socio-assistenziali (Coop. Il Quadrifoglio);
  • due operatrici ausiliarie (Coop. Il Quadrifoglio).

Riunioni: Una riunione settimanale di programmazione e supervisione con l’assistente sociale referente tecnico della struttura (AUSL), la responsabile di settore e la referente del servizio; 

Attività e laboratori specifici: Le attività svolte sono state realizzate sia in gruppo che individualmente in base allo specifico progetto dell’utente. In particolare sono stati attivati i seguenti laboratori: laboratorio di cucina, laboratori indirizzati alla cura della persona, laboratori finalizzati al mantenimento e al potenziamento delle capacità e delle autonomie, laboratorio di musicoterapia condotto da un esperto. Gli ospiti del Centro usufruiscono anche delle prestazioni erogate dall’ambulatorio di fisiochinesiterapia. Dal 2005, è stata introdotta una nuova modalità di progettazione individualizzata sull’utente. Le valutazioni e le osservazioni necessarie per individuare risorse e criticità vengono effettuate tramite ICF, classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute riconosciuta dall’O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità).

Rapporto con il territorio:  Il Centro è costantemente aperto al territorio, l’inserimento nella rete territoriale costituisce un prerequisito fondamentale per l’integrazione reale dei soggetti disabili.